Investment Institute
Take 2

La BCE aumenta i tassi d’interesse a massimi storici; l’inflazione USA sale più del previsto

  • 18 Settembre 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

La Banca centrale europea (BCE) ha innalzato il suo tasso di riferimento di 25 punti base al 4%, un massimo storico, e suggerito che i tassi potrebbero aver raggiunto un picco. Francoforte ha riferito che se gli attuali livelli saranno “mantenuti per un periodo sufficientemente lungo”, verrà assicurato un “contributo sostanziale” al ritorno dell’inflazione al suo obiettivo del 2%. La BCE ha inoltre abbassato le previsioni di crescita per l’eurozona e si aspetta ora un’espansione dello 0,7% nel 2023 e dell’1,0% nel 2024, a fronte dello 0,9% e 1,5% stimati a giugno. Su un altro fronte, la Commissione europea ha tagliato le proprie attese di crescita per la regione allo 0,8% quest’anno dall’1,1% di maggio e all’1,3% per il 2024 dall’1,6%.

 

Notizie dal mondo

L’inflazione annuale statunitense è aumentata più del previsto, attestandosi al 3,7% ad agosto dal 3,2% del mese precedente, sospinta dal rincaro dei carburanti. Tuttavia, l’inflazione core, che esclude i prezzi più volatili di generi alimentari ed energia, è scesa dal 4,7% di luglio al 4,3%. Secondo gli ultimi dati sull’indice dei prezzi al consumo, i costi delle abitazioni salgono da 40 mesi consecutivi e anche quelli per le assicurazioni auto e le cure mediche hanno esibito ad agosto una traiettoria ascendente. L’inflazione resta superiore all’obiettivo del 2% definito dalla Federal Reserve (Fed), anche se gli economisti si aspettano che, alla sua riunione di politica monetaria di questa settimana, l’istituto mantenga i tassi d’interesse invariati.

 

Il numero sotto i riflettori: 2030

L’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) sostiene che il pianeta si trovi “all’inizio della fine” dell’era dei combustibili fossili, ossia che la domanda di carbone, gas naturale e petrolio raggiungerà l’apice prima del 2030. L’agenzia con sede a Parigi prevede che l’uso dei combustibili fossili diminuirà con la crescente adozione di energie rinnovabili e veicoli elettrici. In un articolo comparso sul Financial Times, il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol ha affermato che “la transizione a sistemi energetici più puliti e sicuri accelera e gli sforzi per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico fanno progressi”. Tuttavia, ha precisato che la flessione anticipata non è “neanche lontanamente sufficiente” per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

 

La parola della settimana: Riglobalizzazione

Termine utilizzato dall’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nel suo World Trade Report annuale per descrivere un rinnovato impulso all’integrazione globale di persone, economie e commercio. L’organizzazione ha avvertito che le tensioni geopolitiche iniziano a influire sui flussi, con modalità che suggeriscono una frammentazione dei rapporti commerciali. Ha inoltre auspicato una maggiore cooperazione internazionale, poiché i timori per la sicurezza nazionale, le disuguaglianze e il cambiamento climatico mettono a dura prova l’economia globale. Tuttavia, il commercio internazionale continua a prosperare, ha aggiunto l’OMC, sottolineando l’espansione dei servizi digitali e del commercio di beni ambientali.

 

Prossimamente

Martedì giungeranno i più recenti dati sull’inflazione di agosto per l’eurozona e il Canada. La Fed si riunirà mercoledì per fissare i tassi d’interesse; lo stesso giorno saranno svelate anche le esportazioni giapponesi e l’inflazione britannica. Giovedì la Banca d’Inghilterra annuncerà la sua ultima decisione sui tassi, seguita dalla Banca del Giappone, che terrà venerdì la sua riunione di politica monetaria. Sempre venerdì saranno pubblicati gli indici flash dei direttori agli acquisti di settembre per eurozona, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

La Banca d’Inghilterra mantiene invariati i tassi nonostante l’inflazione sia arrivata all’obiettivo; le esportazioni del Giappone crescono

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed ha ridotto il numero di tagli dei tassi per il 2024; Macron ha indetto elezioni lampo

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La BCE e la Banca del Canada hanno tagliato i tassi di interesse

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 10 Giugno 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.