Investment Institute
Take 2

Il PIL statunitense tiene il passo nel T2; netto calo dell’inflazione nell’eurozona

  • 02 Ottobre 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

L’economia statunitense ha mantenuto ampiamente il suo slancio nel secondo trimestre (T2), con la crescita annuale del PIL confermata al 2,1%, mentre il tasso del T1 è stato rivisto al rialzo dal 2,0% al 2,2%. Secondo un rapporto ufficiale, l’espansione è ascrivibile principalmente all’aumento di investimenti delle imprese, consumi e spesa pubblica, come pure a un declino delle importazioni. Anche le esportazioni sono diminuite, compensando in parte la crescita. Stando al più recente indicatore GDPNow della Fed di Atlanta, che stima la crescita in base agli attuali dati economici, l’economia americana dovrebbe aver accelerato nel T3. Tuttavia, gli economisti ritengono che il rallentamento dei consumi potrebbe comportare una contrazione nel T4.

 

Notizie dal mondo

A settembre l’inflazione annuale dell’eurozona è scesa bruscamente al 4,3% dal 5,2% di agosto, un minimo dall’ottobre 2021. L’inflazione core, dalla quale sono esclusi energia, generi alimentari, alcol e tabacco, è calata dal 5,3% al 4,5%, alimentando le speranze che la Banca centrale europea non proceda a un’ulteriore stretta dopo aver innalzato lo scorso mese i tassi a un livello record. Altrove, dal verbale dell’ultima riunione della Banca del Giappone è emerso che uno dei decisori politici reputava “chiaramente in vista” l’obiettivo d’inflazione del 2%, mentre un altro intravedeva “ancora una strada molto lunga da percorrere”. La scorsa settimana il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha annunciato un nuovo pacchetto di stimoli per sostenere le famiglie, alle prese con un maggiore costo della vita, investendo al contempo nella crescita economica.

 

Il numero sotto i riflettori: $ 4.500 miliardi

L’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha dichiarato la scorsa settimana che, per raggiungere le zero emissioni nette, gli investimenti annui in energia pulita a livello globale devono aumentare a circa $ 4.500 miliardi entro i primi anni del 2030, rispetto ai $ 1.800 miliardi previsti quest’anno. Nella sua tabella di marcia aggiornata Net Zero by 2050, l’AIE ha inoltre segnalato che la domanda di combustibili fossili deve diminuire di un quarto entro la fine di questo decennio, con i tagli alle forniture compensati dagli investimenti in energia pulita per evitare dannose impennate dei prezzi. Secondo l’AIE, gli obiettivi delle zero emissioni nette e di un riscaldamento limitato a 1,5°C sono ancora possibili, ma per conseguirli è essenziale una solida cooperazione internazionale.

 

La parola della settimana: Legge CHIPS

La legge Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors (CHIPS) and Science Act (Legge sulla creazione di incentivi utili alla produzione di semiconduttori e sulla scienza) prevede investimenti per $ 280 miliardi con l’obiettivo di sviluppare e rilocalizzare le tecnologie statunitensi, come la produzione di semiconduttori, rafforzando le supply chain e la sicurezza interna. Dopo la sua promulgazione da parte del presidente Joe Biden nell’agosto 2022, a settembre sono stati stanziati circa $ 238 milioni per creare otto hub regionali per l’innovazione nel settore della microelettronica, il più grande finanziamento concesso finora nell’ambito della legge. Nel frattempo, lo scorso mese è entrata in vigore la Legge europea sui chip, che mira a incrementare la quota dell’UE nella produzione globale di semiconduttori dal 10% ad almeno il 20% entro la fine di questo decennio.

 

Prossimamente

Lunedì la Banca del Giappone pubblicherà la sua Sintesi delle opinioni, comprese le proiezioni correlate a inflazione e crescita economica. Sarà inoltre svelato il tasso di disoccupazione dell’eurozona per il mese di agosto. La Reserve Bank of Australia fisserà martedì i tassi d’interesse, che a settembre sono rimasti stabili per la terza volta consecutiva. Nel corso della settimana sono attesi i dati definitivi di settembre per molteplici indici dei direttori agli acquisti (PMI). Mercoledì saranno comunicati i PMI compositi di Stati Uniti, Regno Unito, eurozona e Giappone. Gli Stati Uniti e il Canada annunceranno venerdì le statistiche sulla disoccupazione di settembre.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

La Banca d’Inghilterra mantiene invariati i tassi nonostante l’inflazione sia arrivata all’obiettivo; le esportazioni del Giappone crescono

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed ha ridotto il numero di tagli dei tassi per il 2024; Macron ha indetto elezioni lampo

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La BCE e la Banca del Canada hanno tagliato i tassi di interesse

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 10 Giugno 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.