Investment Institute
Take 2

I verbali della Fed indicano un rallentamento nel ritmo dei rialzi dei tassi, mentre l’attività industriale dell’eurozona si contrae

  • 10 Luglio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

I tassi d’interesse statunitensi dovrebbero ulteriormente aumentare nel 2023, sebbene in misura più contenuta, secondo quanto emerso dai verbali dell’ultima riunione di politica monetaria della Federal Reserve (Fed). I tassi sono rimasti invariati a giugno dopo 10 rialzi consecutivi, nonostante alcuni funzionari della Fed si fossero dichiarati favorevoli a un aumento di 25 punti base – e quasi tutti ritengano necessario procedere a ulteriori rialzi nel corso dell’anno. Tuttavia, molti hanno osservato come “sia opportuno moderare nuovamente il ritmo di inasprimento delle politiche” per poter valutare l’effetto differito della stretta monetaria sull’economia. Parallelamente, gli indici ISM hanno suggerito che la produzione manifatturiera negli Stati Uniti è calata più rapidamente a giugno, mentre la produzione nel settore dei servizi è cresciuta.

 

Notizie dal mondo

A giugno l’attività industriale ha subito una battuta d’arresto in tutto il mondo. Nell’eurozona, il calo nei servizi e la sempre più marcata flessione della produzione manifatturiera hanno spinto il PMI composito HCOB/S&P Global in territorio di contrazione, con una revisione al ribasso a 49,9 rispetto alla stima iniziale di 50,3 e a fronte del 52,8 di maggio. Una cifra inferiore a 50 denota una contrazione. In Cina, il PMI Caixin per i servizi ha toccato un minimo da cinque mesi, scendendo a 53,9 dal 57,1 di maggio, a dimostrazione della debolezza della domanda interna e del rallentamento della ripresa post-pandemia. La valutazione composita ha segnato il sesto mese consecutivo in territorio espansivo, anche se è scesa a 52,5 rispetto al 55,6 di maggio.

 

Il numero sotto i riflettori: 3,58%

Le aziende giapponesi hanno concesso ai lavoratori i più consistenti aumenti di stipendio degli ultimi 30 anni, secondo un’indagine condotta dalla Confederazione sindacale giapponese, nota come Rengo. I dati di oltre 5.000 sindacati affiliati evidenziano un aumento salariale medio del 3,58% nell’ambito delle trattative salariali di primavera, superiore al 2,07% dell’anno scorso e il più alto dal 3,9% offerto nel 1993. La Banca del Giappone ha dichiarato che intende mantenere una politica monetaria accomodante fino a quando i salari non inizieranno a registrare aumenti significativi, mentre il Primo Ministro Fumio Kishida ha messo l’accento sulla crescita degli stipendi dopo decenni di stagnazione anche a fronte dell’aumento del costo della vita.

 

La parola della settimana: El Niño-Oscillazione Meridionale

Fenomeno climatico che si verifica naturalmente nell’Oceano Pacifico tropicale e che prevede El Niño, la fase di riscaldamento delle temperature marine, e La Niña, la fase di raffreddamento. I dati dei Centri nazionali per la previsione ambientale (NCEP) statunitensi mostrano che la scorsa settimana l’inizio di un evento El Niño, unito alle continue emissioni di anidride carbonica, ha contribuito al raggiungimento di un record della temperatura media del pianeta, che per la prima volta ha superato i 17°C. Si prevede che nei prossimi mesi le temperature batteranno nuovi record e si verificheranno fenomeni meteorologici estremi.

 

Prossimamente

Lunedì la Cina pubblicherà i più recenti dati sull’inflazione, cui seguiranno, martedì, quelli della Germania. Lo stesso giorno, il Regno Unito renderà noto il tasso di disoccupazione di maggio. La Banca del Canada terrà mercoledì la propria riunione di politica monetaria, in concomitanza con il rilascio dei dati sull’inflazione di giugno negli Stati Uniti. I dati di maggio hanno mostrato che l’inflazione dei prezzi al consumo è scesa al 4%, il livello più basso da oltre due anni. Giovedì arriveranno le statistiche sulla produzione industriale dell’eurozona di maggio, mentre venerdì l’India comunicherà i dati sull’inflazione dei prezzi all’ingrosso.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

Negli USA l’inflazione frena; in Francia inizia la nuova legislatura parlamentare

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione scende; nel Regno Unito i laburisti stravincono le elezioni

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Il PIL USA è stato rivisto al rialzo; l’inflazione canadese è salita a sorpresa

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 01 Luglio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.