Investment Institute
Take 2

I Paesi del G20 calibreranno il ritmo del ciclo rialzista; inattesa contrazione del PIL giapponese

  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

La scorsa settimana i leader del G20 hanno concordato che le banche centrali delle maggiori economie al mondo “calibreranno il ritmo” della stretta monetaria, per evitare ricadute negative e volatilità delle valute. Nella dichiarazione del vertice di novembre si legge che i futuri aumenti dei tassi saranno “dipendenti dai dati e comunicati chiaramente” per contribuire a stabilizzare i prezzi e preservare la ripresa economica globale. Nel frattempo, il Fondo monetario internazionale ha comunicato prospettive persino più cupe di quelle annunciate lo scorso mese, alla luce di diversi fattori negativi che continuano a pesare sull’attività economica globale, tra cui l’inflazione, la debole crescita cinese e l’attuale crisi in Ucraina.

 

Notizie dal mondo

L’economia giapponese si è inaspettatamente contratta nel terzo trimestre (T3). Il PIL è diminuito dell’1,2% su base annua, un valore inferiore alle attese del mercato e in netto calo rispetto alla crescita rivista del 4,6% nel T2. La prima contrazione del Paese da un anno riflette la fragilità dello yen e i crescenti costi delle importazioni, come pure il rallentamento dell’economia globale. Simili pressioni hanno spinto a ottobre l’inflazione core annuale del Giappone al 3,6%, dal 3% del mese precedente, un massimo dal 1982. Nel frattempo, dati separati indicavano che a ottobre l’inflazione annuale del Regno Unito ha raggiunto un record da 41 anni, passando dal 10,1% di settembre all’11,1%, trainata dai rincari di generi alimentari, energia e carburante. Dal suo canto, l’inflazione dell’eurozona è stata rivista lievemente al ribasso al 10,6% rispetto a una stima iniziale del 10,7%, comunque un massimo storico.

 

Il numero sotto i riflettori: Otto miliardi

In ragione della più alta aspettativa di vita grazie a un migliore stato di salute e a un’alimentazione più sana, la popolazione mondiale ha oltrepassato gli otto miliardi durante la scorsa settimana. Secondo le Nazioni Unite, la crescita sta progressivamente rallentando, ma l’organizzazione prevede che il traguardo dei nove miliardi di persone sarà tagliato intorno al 2037 e quello dei 10 miliardi verso il 2058. Il rapporto è stato pubblicato durante la seconda settimana della conferenza sul clima COP27 in Egitto, nel corso della quale si è cercato di risolvere le questioni controverse legate ai finanziamenti ai Paesi in via di sviluppo, le modalità per il graduale abbandono dei combustibili fossili e il monitoraggio dei progressi verso gli obiettivi climatici dei Paesi.

 

La parola della settimana

Lo sciocco sotto la doccia: una metafora attribuita all’economista statunitense Milton Friedman su come le banche centrali dovrebbero approcciarsi agli stimoli economici. Secondo questa teoria, gli stimoli dovrebbero essere introdotti lentamente e i decisori politici dovrebbero attendere che l’impatto ritardato delle loro azioni si ripercuota sull’economia, anziché continuare ad agire prima che i risultati siano visibili. In caso contrario, si potrebbero comportare come lo “sciocco sotto la doccia”, che gira bruscamente la manopola dell’acqua e fa oscillare la temperatura da troppo calda a troppo fredda.

 

Prossimamente

Gli indici flash dei direttori agli acquisti (PMI) domineranno gran parte della prossima settimana, con i dati relativi a Stati Uniti, eurozona e Regno Unito in programma mercoledì. Lo stesso giorno saranno inoltre pubblicati i verbali dell’ultima riunione di politica del Federal Open Market Committee. I PMI giapponesi della Jibun Bank arriveranno giovedì. Venerdì sarà svelata la stima definitiva sulla crescita economica tedesca nel T3.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

Ti potrebbe interessare

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.