Investment Institute
La Parola a Tentori

Una economia in transizione

  • 29 Dicembre 2022 (3 min di lettura)

Nella prima metà del XIX secolo, la scienza riuscì a dare una spiegazione accettabile all’annoso problema del movimento dei fluidi. Già gli antichi si chiesero perché a volte i fiumi scorressero quasi lineari, mentre altre volte si creassero dei vortici. Ancora oggi utilizziamo i risultati degli studi e dell’intuizione di Claude-Louis Navier e George G. Stokes, per esempio ogni qual volta saliamo su un aereo oppure consultiamo il meteo prima di una vacanza. Risultati parziali, perché l’esistenza di soluzioni tridimensionali delle equazioni di Navier-Stokes non è ancora provata e – facendo parte dei sette quesiti del Millenium Prize – verrebbe ricompensata con $1mio. Non vorrei divagare troppo sugli aspetti matematici dei fluidi, ma vorrei comunque richiamare l’attenzione del lettore al cosiddetto “numero di Reynolds”, che farà da ponte alle mie considerazione sull’economia. Essenzialmente, il numero di Reynolds è il quoziente tra velocità e viscosità di un fluido. Quando questo quoziente è basso – cioè il fluido è molto viscoso o si muove lentamente – abbiamo una dinamica laminare, il fluido si “comporta bene”. Con l’aumentare del numero di Reynolds, per esempio ad alte velocità di flusso, invece il fluido manifesta un comportamento turbolento.

Bene. Dopo questo preambolo, vorrei evidenziare come un mercato finanziario che si muove lentamente, magari caratterizzato da solidi argini monetari e fiscali, nonché da una regolamentazione inattaccabile, ha caratteristiche simili a un fiume che scorre “lento e placido”. Le contrattazioni vengono effettuate senza frizioni e gli inevitabili shock esogeni vengono assorbiti senza ulteriori ripercussioni. Siamo di fronte a un mercato a bassa velocità, a bassa volatilità. Quasi noioso. Un mercato laminare, insomma. Ma come sappiamo, i mercati sono imprevedibili e lunghe fasi di bassa volatilità vengono tipicamente seguite da fiammate di rischio. In analogia al movimento dei fluidi, un aumento del numero di Reynolds comporta il rischio di una instabilità del flusso e da luogo a turbolenza. Per esempio, una banca centrale che sottrae liquidità ai mercati può provocare un repentino collasso della “viscosità” del sistema, generando così instabilità e incertezza. Senza dimenticare che l’instabilità da luogo una contro-reazione degli investitori, che aumentano la velocità e il volume di scambio per ribilanciare i portafogli al nuovo livello di rischio. Facendo così aggiungono benzina sul fuoco della turbolenza: Un processo a feedback positivo, che a noi economisti – templari della marginalità e dei ritorni decrescenti – proprio non piace. 

Al momento ci troviamo a fronteggiare proprio questo scenario: le banche centrali drenano quella liquidità che tanto ha contribuito alle performance post Grande Crisi Finanziaria. La transizione da un mercato laminare a uno turbolento non è senza costi, che essenzialmente riflettono la necessità di ribilanciamento dei portafogli al nuovo regime di inflazione e tassi di interesse. Ogni transizione comporta dei costi aggiuntivi, ogni transizione è turbolenta. Ma c’è anche un aspetto positivo: Una volta completata la transizione, cioè una volta ristabilito un equilibrio tra attività e passività (leggi: leva finanziaria) che soddisfi tutti, la transizione è da considerarsi completata e il mercato torna ad un regime laminare, rallenta. Questo succede indipendentemente dal livello dei tassi di interesse. È infatti la velocità con cui variano i tassi di interesse a influenzare l’aggiustamento dei mercati, non tanto il livello assoluto dei tassi. Per osare una analogia con il mondo naturale, un fiume può scorrere tranquillamente a dieci come a cento metri sul livello del mare, ma per passare velocemente da 100 a 10 metri è necessaria una transizione turbolenta. Il cambio di pendenza e di velocità di flusso genera le cosiddette rapide. Sta quindi a noi investitori tentare di stabilire “quanto lavoro ci sarà ancora da fare” (per citare liberamente Lagarde durante la conferenza stampa del 15 dicembre 2022), ma perlomeno sappiamo che alla fine del processo di tightening delle banche centrali si prospettano condizioni di mercato meno turbolente…sempre che nel frattempo non sopraggiunga un ulteriore shock esogeno. Ma si sa, la chiaroveggenza non fa parte del bagaglio di un economista.

WEBINAR SUI MERCATI

Aggiornati sui mercati in modo veloce, ma approfondito

Partecipa al webinar in diretta con Alessandro Tentori, CIO AXA IM Italia, ogni martedì alle 11.00

ISCRIVITI

Ti potrebbe interessare

La Parola a Tentori

Banche centrali (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 31 Gennaio 2023 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

Corporate bonds (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 24 Gennaio 2023 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

La Cina riapre (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 17 Gennaio 2023 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.