Investment Institute
La Parola a Tentori

Europa: fragilità e unione

  • 27 Maggio 2022 (3 min di lettura)

Nel corso della sua breve storia, l’Unione Europea non è stata risparmiata dagli shock globali. In quest'articolo vorrei ragionare sulle cause e sugli effetti che questi episodi hanno avuto. Il tema è di attualità, come si può notare dall’interesse della stampa per il grano e la spesa militare.

Era il 10 marzo 1997 quando le prime azioni vennero scambiate sul NEMAX, il “nuovo mercato” lanciato dalla borsa tedesca sulla scia del successo planetario del Nasdaq. Ricordo ancora l’euforia dei broker tedeschi e le brillanti discussioni sull’ultima startup tecnologica quotata a Francoforte. L’indice non sopravvisse alle forti perdite del mercato statunitense – il Nasdaq perse il 77% da marzo 2000 a ottobre 2002 – e venne chiuso il 5 giugno 2003. La perdita di questo importante canale di finanziamento per le aziende europee che avrebbero potuto e dovuto traghettarci verso un mondo nuovo ha reso l’Europa dipendete da Wall Street e da Silicon Valley.

Come dimenticare la Grande Crisi Finanziaria (GFC)? In retrospettiva, il problema non fu tanto la dipendenza delle banche Europee dalla liquidità in dollari americani. L’attivazione di linee di swap in valute estere da parte delle banche centrali, in aggiunta alle operazioni speciali di mercato aperto della BCE – in particolare su scadenze lunghe – riuscirono a evitare il collasso del sistema finanziario. Ovviamente, le headlines si concentrarono su Lehman Brothers, Northern Rock eccetera, ma in verità il sistema riuscì a resistere. L’accordo di Basilea Tre fu la ovvia contromisura per evitare che si possa ripetere un evento di liquidità.

Purtroppo però, il fallout a livello di economia reale fu devastante e mise a nudo due aspetti critici dell’Europa: L’eterogeneità e il legame tra banche e stato. Ci si rese conto che una politica monetaria “globale” non può funzionare per assorbire gli shock distribuiti con entità diversa sui vari paesi membri. Ci si rese conto che gli investitori esteri o meglio non-residenti possono avere una voce in capitolo sulla tenuta delle finanze pubbliche. I vari passaggi parlamentari che seguirono – da Atene a Dublino, passando per Roma e Madrid – misero a dura prova la tenuta dell’Unione, almeno fino a quando non cambiò la politica monetaria. Il Quantitative Easing stabilizzò la situazione del debito, arginando le tendenze centrifughe. Ma in verità ci accorgiamo oggi che siamo in larga parte dipendenti dalla BCE per il finanziamento del debito pubblico. In questo senso, l’inversione di tendenza – il cosiddetto Quantitative Tightening – preoccupa non poco, e non solo i BTP, ma addirittura i Treasury americani. 

Arriviamo così ai giorni nostri, in cui la Globalizzazione e il Covid hanno evidenziato le lacune nei nostri sistemi di prevenzione, senza voler alimentare inutili polemiche sulla gestione dell’epidemia e sul rischio di tenuta dei sistemi sanitari dei singoli paesi. Il ricordo va ai giorni bui della primavera 2020, quando ci siamo accorti della nostra dipendenza da Pechino per l’approvvigionamento di mascherine e ventilatori polmonari. E non solo, basti pensare all’allungamento dei tempi di consegna dovuti alla mancanza di componenti microelettroniche. La risposta comune con il piano NGEU è formidabile e per una volta l’Unione si è mossa da Unione sia sul campo politico che su quello finanziario. Purtroppo i progetti non sono di immediata realizzazione.  

Tutto risolto quindi? Non proprio. Il conflitto Russo-Ucraino mette a nudo la fragilità dell’Unione Europea rispetto a temi di non scarsa importanza: L’energia e la difesa. In sintesi, ci accorgiamo ora di essere in larghissima parte dipendenti dall’estero per tutte le materie prime – non solo il gas, ma anche il grano…il grano! – e per la difesa, delegata alla NATO. Il rischio è di essere nuovamente spettatori di movimenti politici centrifughi, piuttosto che di effetti negativi sulle economie e sui mercati finanziari. 

Permettetemi di concludere. Sarebbe razionale aspettarsi forti investimenti pubblici in tutti quei settori che hanno evidenziato forti fragilità negli ultimi ventiquattro mesi. Il modello “public-private-partnership” è e sarà sempre non solo un formidabile motore di crescita e di innovazione, ma anche di performance per gli investimenti finanziari.  Purtroppo non avverto l’urgenza dei vari governi né della Commissione Europea. Anzi, mi sembra di percepire la necessità a scopo politico di sostenere temporaneamente il potere d’acquisto delle famiglie, anche se solo parzialmente e a svantaggio di quei target di transizione ecologica che parevano intoccabili solo qualche mese addietro. Temo che lo “short-termismo” non sia la ricetta giusta per rendere il sistema più resiliente. Temo che la fragilità sarà un problema ancora per molti anni, anni in cui l’aumento dei prezzi erode e eroderà parte del nostro potere d’acquisto. In quest’ottica è cruciale ragionare su investimenti che proteggano i nostri risparmi dall’inflazione. 

 

Webinar sui mercati

Aggiornati sui mercati in modo veloce, ma approfondito

Partecipa al webinar in diretta con Alessandro Tentori, CIO AXA IM Italia, ogni martedì alle 11.00

Iscriviti

Ti potrebbe interessare

La Parola a Tentori

Eurozona frammentata? (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 21 Giugno 2022 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

La frammentazione in Europa non è una novità

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 17 Giugno 2022 (3 min di lettura)
La Parola a Tentori

U-turn a Francoforte (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 14 Giugno 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.