Investment Institute
La Parola a Tentori

Debito pubblico: ottimismo e realtà

  • 21 Febbraio 2022 (3 min di lettura)

Leggo spesso sulla stampa locale di una crescita economica sostenuta che per una volta posiziona il paese ai primi posti dell’Eurozona. Non leggo con la stessa frequenza invece che il forte tasso di crescita del 2021 (+6.5%) fa seguito alla forte contrazione del 2020 (-8.9%). E non solo. Se da un lato viene celebrato il trionfo del PIL, dall’altro si omette l’insuccesso del debito, cresciuto di 105 mrd nel 2021 e di ben 163 mrd nel 2020. Nell’era dell’euro e prima dello shock da Covid19, il debito pubblico italiano era cresciuto in media di 53 mrd all’anno, con una punta di 101 mrd nel 2009, abbastanza da innescare la crisi del debito sovrano.

Ma non sarà certo una semplice media a preoccupare. D’altronde, nell’era della cooperazione tra politica monetaria e fiscale – no, non ho detto Nuova Teoria della Moneta… – ogni desiderio può venire finanziato. Anzi, la sbandierata contrapposizione alla politica di austerità del Fondo Monetario Internazionale di una decade orsono è vista dall’establishment globale come un vessillo di virtuosa politica. Salta quindi immediatamente all’occhio la forte dissonanza di uno spread in aumento, dopo aver toccato brevemente dodici mesi fa livelli simili a quelli di marzo 2015, in piena euforia da QE. Non sarà mica un ritorno ai fondamentali di crescita, di inflazione e di indebitamento a far lievitare il costo di rifinanziamento del paese? Potrebbe essere, visto che gli spread di tutti i paese membri hanno subito una variazione. Rimane però il fatto che lo spread dei paesi meno “frugali” sia aumentato in maniera più consistente.

Ma veniamo al dunque. Vorrei riprendere qui il risultato di una analisi che abbiamo condotto l’anno scorso: In sintesi, anche con un aumento della crescita potenziale, con una inflazione al target del 2% e con una graduale convergenza verso il costo di finanziamento medio degli emittenti sovrani dell’Eurozona, il rapporto debito/PIL italiano ci metterebbe circa dieci anni per ritornare ai livelli pre-Covid19. Ora, è innegabile che il PNRR sia cosa buona e giusta, ma purtroppo, come dice l’acronimo, si tratta appunto di un “piano” e non di una “garanzia”. Leggo sull’enciclopedia Treccani alla voce “piano”: “Complesso di indicazioni, ordinatamente elaborate e prefissate nella loro successione…secondo le quali si intende predisporre e regolare lo svolgimento di un’azione…di un’impresa.” Non leggo di garanzie sull’esito dell’impresa.

La crescita potenziale in Italia viene stimata tra 1.1% e 1.3% nel biennio 2022/23, dopo un potenziale di 0.3% nel periodo 2001/2020 e una crescita annua del PIL effettiva di appena 0.2% nello stesso periodo. La teoria economica non lascia scampo. Il fattore di crescita più importante nel lungo periodo è la tecnologia che aumenta la produttività dei fattori di produzione. Risparmio al lettore un lungo excursus sulla scuola economica viennese e sulla centralità del processo di produzione. Non risparmio però allo stesso lettore la conclusione del mio racconto: Se il PNRR verrà utilizzato per aumentare la crescita potenziale del paese allora si potrà inaugurare una lunga e spettacolare stagione di benessere su tutti i fronti (incluso l’ambiente), altrimenti saranno stati comunque cinque anni di apparente benessere a spese della comunità europea.

Ti potrebbe interessare

La Parola a Tentori

Inflazione in Eurozona (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 29 Novembre 2022 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

Rally di fine anno? (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 22 Novembre 2022 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

Recessione in Eurozona (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 15 Novembre 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.