Punto sull'inflazione

  • 01 Aprile 2022 (3 min di lettura)

L’inflazione era già un tema scottante prima dell’invasione dell’Ucraina, ma la guerra aumenta il rischio che duri più a lungo, e le banche centrali non sono sufficientemente attrezzate per farvi fronte.

Se la guerra in Ucraina ha fatto lievitare i prezzi di molte materie prime, l’inflazione era già diffusa ben oltre il ristretto ambito di alimentari e petrolio, con l’inflazione core ai massimi degli ultimi decenni in molte economie avanzate. Manteniamo un posizionamento lungo in obbligazioni inflation-linked a breve termine, e non crediamo che l’inasprimento monetario metta a rischio la strategia, favorita dai generosi redditi che produrrebbe un eventuale crollo del prezzo del petrolio.

 

Le previsioni d’inflazione sono soggette a continue revisioni al rialzo, e il momento del picco viene spostato in avanti nel tempo

Se un anno fa si prevedeva che l’inflazione USA avrebbe raggiunto il picco del 3,5% nell’estate 2021, oggi ci aspettiamo che si avvicini al 9% entro l’estate del 2022. Le previsioni inflazionistiche sono cresciute nel corso di tutto l’ultimo anno, ma gli economisti di Bloomberg sono concordi nel considerare l’inflazione un fenomeno transitorio, e le loro previsioni per il 2023 sono in linea con i target delle banche centrali.

Image

Fonte: Bloomberg, al 31/03/2022.

 

In questo momento l’inflazione risente di problematiche legate al Covid, e i rischi a medio temine fanno pensare a una sua persistenza nel tempo

In gran parte l’inflazione che vediamo oggi è legata al Covid. Se i nuovi lockdown di questi giorni in Cina potrebbero aumentarne la durata rispetto a quanto si era previsto, sono tre i fattori che rischiano di far salire l’inflazione a medio termine, e la guerra in Ucraina non ha fatto che esacerbarli: 1/ una spesa fiscale strutturalmente più elevata, anche non tenendo conto dell’aumento della spesa militare, 2/ la guerra commerciale e la rilocalizzazione della produzione e, infine 3/ la rivoluzione verde o “greenflation”.

Image

Fonte: Bloomberg, al 31/03/2022.

 

Nonostante il rischio di un’inflazione più persistente e duratura di quanto previsto dagli economisti, il mercato sta prezzando una brusca decelerazione a partire dal 2023

Seppur convinti che l’inflazione rallenterà nella seconda metà dal 2022, c’è il rischio che questa decelerazione non sia così subitanea come si aspetta il mercato. Gli inflation swap al momento scontano un ritorno dell’inflazione negli Stati Uniti e nell’Eurozona verso il target delle banche centrali a partire da fine 2023. A nostro avviso si tratta di una previsione ottimistica, a meno che l’economia non entri in recessione.

Image

Fonte: Bloomberg & Front Office data, al 31/03/2022.

 

I dati mensili sull’inflazione, al momento estremamente elevati, si tradurranno in solide entrate per le obbligazioni inflation-linked. Per questo motivo, restiamo sovrappesati in linker a breve termine, che costituiscono un investimento adeguato per catturare un carry generoso, limitando al tempo stesso l’esposizione alla duration.

Non crediamo che, in questa fase, la normalizzazione delle politiche monetarie rappresenti un grande ostacolo, poiché i rendimenti dovrebbero essere sufficienti a compensare il potenziale impatto negativo sui prezzi. Teniamo sotto stretto controllo i prezzi petroliferi che, in caso di crollo, spingerebbero al ribasso sia i rendimenti che l’inflazione.

Visita il nostro Fund Center

Obbligazioni
AXA WF Global Inflation Short Duration Bonds

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Obbligazioni

E se esistesse un’obbligazione con il 5% di rendimento sul mercato oggi?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 23 Giugno 2022 (5 min di lettura)
Obbligazioni

Webinar con Ana Otalvaro - 23 giugno 2022

  • A cura di Ana Otalvaro
  • 23 Giugno 2022 (15 min di lettura)
Guida ai Mercati

Europa, come investire tra inflazione record ed economia in frenata

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 08 Giugno 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.