Investment Institute
Ambiente

COP28: opportunità per investitori da impegni per paesi vulnerabili e sui sistemi alimentari

  • 09 Gennaio 2024 (5 min di lettura)

Forse il risultato più rilevante della COP28 sul clima tenutasi a Dubai prima che si chiudesse il 2023 è che quasi ogni paese nel mondo ha acconsentito ad allontanarsi dall’uso dei combustibili fossili. Nonostante la delusione sulla mancanza di chiarezza circa un’eliminazione graduale in questa decade, sono emersi alcuni aspetti positivi per gli investitori sia obbligazionari che azionari.

La necessità di una drastica riduzione dell'uso di carbone, petrolio e gas emerse per la prima volta nella Conferenza sui cambiamenti climatici del 2015 delle Nazioni Unite COP21, che diede  origine all'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Ma la prima volta in cui tutti i paesi si sono trovati d’accordo su una "transizione dai combustibili fossili nei sistemi energetici"  e in un modo "giusto, ordinato ed equo" è stato alla COP28 del 2023 che si è svolta a Dubai. Dopo  otto anni, si è finalmente trovato un consenso sul fatto che il mondo dovrà allontanarsi dall'uso dei combustibili fossili.

 

Cosa significa per gli investitori

Tuttavia, diversi paesi hanno lasciato il summit con l’amaro in bocca per la mancanza di chiarezza su un’eliminazione graduale dei combustibili fossili in questa decade e per un testo (quello approvato) che consente di trovare delle scappatoie per continuare a produrne e consumarne. Insomma, l’accordo raggiunto a Dubai dopo intensi negoziati non parla di “eliminazione” dei combustibili fossili.

Ci sono innegabilmente alcuni aspetti positivi, come gli annunci fatti nel campo della finanza per l’adattamento climatico, compresa l’attuazione del fondo per le perdite e i danni che, pur non essendo perfetto, può ora funzionare e rappresenta un pre-requisito per un maggiore sostegno finanziario ai paesi in via di sviluppo. Mentre a fronte di nuovi impegni sui sistemi alimentari e di un'agricoltura sostenibile, potrebbero esserci potenziali opportunità per gli investitori azionari.

 

Mitigazione del clima e combustibili fossili

Sebbene il mondo abbia rinnovato il proprio impegno a limitare il riscaldamento globale, mancano azioni concrete sulla riduzione delle forniture di petrolio e gas e questo rischia di compromettere l’impegno preso.

Ora l’obiettivo di "transizione dai" combustibili fossili (ma non "riduzione" dell'approvvigionamento di tali combustibili) è scritto nero su bianco, e i governi dovranno attuarlo con politiche e atti concreti. “Il riconoscimento di tale obiettivo è positivo, ma è di vitale importanza che venga attuato  - e presto”, commenta Virginie Derue, Head of RI Research di AXA IM. “Il prossimo round di Nationally Determined Contributions nel 2025 sarà un test chiave su questo fronte, anche se più in generale, l'assenza di progressi sul prezzo globale del carbonio resta una questione di rilievo”.

In ultima analisi, secondo Derue “ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas e passare alla sobrietà dei consumi dipende dal fatto di rendere petrolio e gas non competitivi, ma non siamo ancora lì.”

Infatti, gli impegni sulla “Carta di decarbonizzazione del petrolio e del gas”restano minimi. Circa 50 aziende, che rappresentano il 40% della produzione mondiale di petrolio, l’hanno sottoscritta, con le società petrolifere nazionali che rappresentano oltre il 60% dei firmatari. Tuttavia, gli impegni di riduzione delle emissioni restano a lungo termine (con l'obiettivo di azzeramento netto nel 2050), sono limitati alle operazioni delle aziende e chiudono le emissioni di metano di routine entro il 2030.

In sostanza, le emissioni nella catena di valore delle aziende – sia a monte che a valle – sono escluse dagli impegni - pur rappresentando circa il 90% di tutte le emissioni del settore -  lasciando ad altri la responsabilità di contribuire alla transizione dell'intero ecosistema/lato domanda.

 

Image

Fonte: Climate Change News - The Good and the Bad - UF/IFAS Extension Brevard County

 

Allo stesso modo, non si registrano particolari progressi in merito agli obiettivi sul gas metano, che pure sono fondamentali, a parte il fatto che alcune società statunitensi come Exxon hanno ora aderito alla Carta insieme ad alcune compagnie petrolifere nazionali.

L'energia nucleare è stata riconosciuta come un importante contributo alla realizzazione dell’obiettivo net-zero entro la metà del secolo, con 20 paesi che si impegnano a triplicare la capacità entro il 2050. Tra i firmatari figurano Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti (EAU), Regno Unito e alcuni paesi europei, che hanno aperto la porta agli investimenti in piccoli reattori modulari che potrebbero essere utilizzati per la produzione di energia elettrica e per un più ampio uso industriale.

 

Maggiore sostegno ai paesi in via di sviluppo

Sono stati compiuti passi più concreti nella finanza per il clima, a partire dalla messa in funzione del fondo perdite e danni. La Banca mondiale lo ospiterà per un periodo di quattro anni. C'è ancora un po’ di strada da fare per passare dalla teoria alla pratica, dal momento che gli impegni finanziari presi di US$792 mln potrebbero risultare inferiori rispetto agli importi richiesti - tra US$160 mlde US$340 mld l'anno entro il 2030- e difficilmente possono essere considerati un passo decisivo per i paesi vulnerabili.

Il lancio del fondo d’investimento sul clima (Alterra) e il capitale di $30 mld già promesso dagli EAU è di dimensioni maggiori, finalizzato a mobilitare fino a $250 mld di finanziamenti privati a beneficio del sud del mondo.

Alcune aree geografiche sono state esplicitamente destinate a un maggiore sostegno finanziario. Per esempio, alle Filippine la Banca asiatica per lo sviluppo ha promesso di destinare $10 mld tra il 2024 e il 2029. E per l’America Latina la Banca Interamericana di Sviluppo prevede di triplicare i finanziamenti climatici a $150 mld nel corso del decennio.

Questo aspetto, unitamente al Credit Enhancement for Sustainability-linked Sovereign Financing for Nature and Climate (il potenziamento del credito per il finanziamento degli Stati su natura e clima), dovrebbe essere di particolare interesse per gli investitori nel reddito fisso. Sia il sostegno ai paesi in via di sviluppo che le future decisioni della Task Force circa il potenziamento del credito saranno monitorati attentamente dagli investitori. Tra i nuovi impegni figura l'uso di clausole di debito che dovrebbero permettere ai paesi colpiti da catastrofi climatiche di mettere in pausa la restituzione dei prestiti.

 

Opportunità per gli investitori azionari nei settori alimentare e agricolo

La COP28 ha portato anche una raffica di dichiarazioni in merito a salute, gioventù, povertà, natura e sistemi alimentari. L'obiettivo di ottenere alimenti resistenti al clima e una produzione agricola sostenibile entro il 2030 dovrebbe far emergere notevoli opportunità d’investimento.

 

Image

 

“Nel settore dei sistemi alimentari vediamo opportunità potenziali di investimento oltre le infrastrutture energetiche e le energie rinnovabili”, conferma Derue. L'agricoltura rigenerativa e la produzione sostenibile, infatti, potrebbero spingere l'ulteriore sviluppo di tecnologie specifiche che si estendono alla riduzione del consumo idrico e al riciclaggio dei rifiuti, che andranno a integrare azioni e soluzioni per prevenire la deforestazione.

 

Resta molto da fare

In conclusione, al di là dei progressi o delle delusioni della COP28, resta ancora molto da fare per sostenere la transizione dai combustibili fossili dei paesi in via di sviluppo. Gli investitori possono svolgere un ruolo significativo in questo campo, ma non basterà se gli Stati Uniti e la Cina non agiranno in modo drastico nel campo della riduzione delle emissioni. Le elezioni presidenziali USA del 2024 saranno probabilmente di grande importanza su questo fronte.

Ti potrebbe interessare

Ambiente

Cinque tecnologie chiave per combattere il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità

  • A cura di Tom Atkinson
  • 11 Dicembre 2023 (7 min di lettura)
Ambiente

Le aziende davvero ESG: ambiente

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 22 Agosto 2023 (5 min di lettura)
Ambiente

Plastica nel mare: quali rischi per la nostra salute?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Luglio 2023 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.