Investment Institute
La Parola a Tentori

Mercati: le incognite del 2022

  • 16 Dicembre 2021 (3 min di lettura)

Covid, inflazione, elezioni, transizione green, politiche fiscali e monetarie: l’anno che verrà sarà segnato ancora da una buona crescita, ma i rischi non mancano. Vediamo perché.

Nel prossimo biennio il Covid uscirà lentamente di scena e a tenere banco saranno le strette monetarie, spiega già dal titolo l’Outlook 2022-23 di AXA IM (“Pandemic effect to recede, policy starts to tighten”). Ma con cinque importanti incognite a dominare i mercati: pandemia, inflazione, elezioni, politica fiscale e monetaria, transizione green. «La pandemia purtroppo ci accompagnerà ancora per almeno un paio d’anni, pur se in forma sempre più blanda, con potenziali sorprese legate a eventuali nuove varianti - spiega Alessandro Tentori, Chief Investment Officer di AXA IM Italia e parte del team che ha firmato l’Outlook - . Il boom dell’inflazione poi potrebbe rivelarsi più lungo e marcato delle aspettative, anche se comunque di natura temporanea. Poi ci sono le incognite elettorali: il voto di midterm negli Stati Uniti, le presidenziali in Francia, la partita del Quirinale in Italia e le elezioni politiche in Giappone, con gli effetti del carovita che potrebbero pesare sulle scelte dei cittadini. C’è il tema delle politiche fiscali e monetarie, dagli enormi bilanci delle banche centrali alla gestione dei debiti pubblici. E infine la transizione verde, con i suoi effetti su inflazione e crescita».

Image

Fonte: Federal Reserve

Ancora crescita economica

Di carne al fuoco, insomma, nell’anno che verrà ce n’è fin troppa. Ma sotto il profilo della crescita economica il futuro non dovrebbe deludere le aspettative: anche se meno brillante del 2021, il 2022 è destinato a segnare una buona progressione del Pil reale mondiale (+4,2%), trainato da Cina (+5%), Stati Uniti (+3,5%), Eurozona (+3,9%) e Giappone (+3,5%), con una performance di tutto rispetto da parte di Italia (+3,7%), Germania (+3,5%) e Francia (+3,6%). «Assisteremo a un incremento del Pil reale ancora superiore ai livelli di crescita potenziale - spiega Tentori - ai quali tuttavia le economie dovrebbero riallinearsi nel 2023, con un rallentamento rispetto all’anno precedente».

Nel medio periodo l’Europa sarà favorita dagli effetti del piano Next Generation Ue, continua l’economista, mentre la crescita cinese dipenderà dalle scelte di politica monetaria di Pechino e quella statunitense da quale “colore” avrà il Congresso uscito dal voto di midterm. «Sui Paesi emergenti, invece, pesa il macigno dell’inflazione che da una parte comprime i consumi e dall’altra costringe le banche centrali a rincorrere il carovita alzando i tassi - continua il CIO di AXA IM Italia - anche per stabilizzare le proprie divise».

Tra le asset class, attenzione alle valute

Quanto alle asset class, proprio il settore valutario potrebbe rivelarsi uno di quelli più interessanti nel prossimo biennio. «Alcune banche centrali stanno già alzando i tassi, in alcuni casi bruciando le tappe, mentre altre dichiarano che non lo faranno per tutto il 2022: questo scarso coordinamento della politica monetaria globale finisce per avere la sua valvola di sfogo proprio sul mercato valutario - spiega Tentori - il cui andamento sarà dominato dal differenziale dei tassi d’interesse». L’Outlook consiglia di investire su asset comunque denominati in valute forti, perché quelle emergenti sono ancora troppo volatili e sensibili all’inflazione, con l’euro che potrebbe indebolirsi ancora un po’ rispetto al dollaro o alla sterlina.

Ma vediamo anche le altre asset class. «La nostra view è difensiva sul comparto obbligazionario governativo - spiega ancora il CIO di AXA IM Italia - perché i tassi d’interesse saliranno anche nelle economie avanzate. Restiamo neutrali sul credito emergente e high yield, asset class care ma ancora in grado di realizzare discrete performance, e sui titoli indicizzati all’inflazione. Riteniamo invece che le materie prime abbiano in buona parte già toccato il picco delle quotazioni: la corsa delle commodity energetiche, in particolare, dovrebbe prendersi una pausa nel 2022. Attenzione però, perché settori come quello dei metalli industriali strategici dovrebbero restare nella loro “bolla strutturale” anche nei prossimi anni, a partire dal litio così prezioso per le batterie».

Non c’è alternativa all’equity

E l’azionario? «Fino a quando le banche centrali resteranno al centro del palcoscenico, riuscendo a governare le tante incognite in gioco senza fare errori, resta sempre valida la formula “Tina”: “There Is No Alternative”, non c’è alternativa all’equity - conclude Tentori - . E in questo settore preferiamo l’Europa, favorita dai titoli value (ovvero quelli appartenenti a comparti stabili ma dal tasso di crescita contenuto, per esempio le utilities) e soprattutto dai bancari, perché forse proprio i “financials” potrebbero rappresentare il cavallo di battaglia in un mondo che sta alzando i tassi d’interesse».

Image

Un lieve rallentamento della crescita degli utili e tassi leggermente più alti non porteranno a un crollo dei mercati azionari, sottolinea a sua volta Chris Iggo, CIO Core Investments di AXA IM: la ripresa economica in corso, l’innovazione legata alla lotta al climate change e il rinnovo delle catene di fornitura globali dovrebbero rappresentare venti favorevoli per l’azionario. Almeno per un po’ di tempo.

Ti potrebbe interessare

Multi-Asset

Outlook multi-asset: nuovi rischi, ma il mercato ha ancora qualcosa da offrire

  • A cura di Mathieu L'Hoir
  • 26 Novembre 2021 (3 min di lettura)
Outlook Annuale

Rivivi l'evento "AXA IM Outlook 2022"

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 19 Gennaio 2022 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

Cosa sta succedendo alle obbligazioni? (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 04 Ottobre 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.