Investment Institute
Viewpoint Chief Economist

BoE breaks ranks

  • 07 Novembre 2022 (5 min di lettura)

  • While the Fed is open to a higher terminal rate, the Bank of England (BoE) “dares to differ”.
  • Beyond a likely “fiscal paralysis” – which may not be entirely bad news given the state of the US economy – the mid-term US elections could herald some future headaches, even if another debt ceiling drama can be avoided.

Unless the data gets truly terrible on inflation next month, the Fed will probably go for 50bps “only” in December, but the key issue, as Powell said, no longer is how quickly but how far and for how long. While the Fed sought to control any overly dovish interpretation of their imminent shift to a more cautious pace of tightening by talking up the possibility of raising the terminal rate, the Bank of England chose to push the market to consider that it has been over-estimating the total amount of tightening needed to bring inflation back under control. This difference may stem from the BoE’s awareness of looming fiscal austerity in the United Kingdom (UK), which would make the Marginal Propensity to Consume (MPC) ready to take a measured risk with the exchange rate by diverging from the Fed’s rhetoric. Of course, if the United States (US) economy starts softening fast, any “policy gap” becomes easier to maintain. We look at the recent US labour market dataflow. It has become quite ambiguous, with signs of softness co-existing with persistent evidence of overheating. There is still no “smoking gun” there which could trigger a downward revision in the expected terminal rate.

The European Central Bank (ECB) President’s speech last week was on the hawkish side in our opinion. The message on a shallow recession not being enough to tame inflation on its own is understandable “in substance”, but the communication effect is quite striking: if a shallow contraction does not suffice, then a legitimate question to ask the ECB is whether it is actively seeking to engineer a deep recession by going far into restrictive territory.

If the Democrats this week lose the House, or both the House and the Senate, there are technical ways to avoid another “debt ceiling drama” if the Biden administration can make good use of the “lame duck session”. Yet, the main consequence of the mid-term elections may lie in the intensification of the political confrontation in the US in the run-up to the presidential elections of 2024, in particular on voting procedures.

Ti potrebbe interessare

Viewpoint Chief Economist

Taking another look at supply

  • A cura di Gilles Moëc
  • 28 Novembre 2022 (7 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

Independence Days

  • A cura di Gilles Moëc
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

The end of the beginning?

  • A cura di Gilles Moëc
  • 31 Ottobre 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.