Investment Institute
Take 2

L’inflazione statunitense sale più del previsto; la BCE evoca un possibile taglio dei tassi a breve

  • 15 Aprile 2024 (3 min di lettura)

Fatti salienti

L’inflazione annuale statunitense è aumentata più del previsto, toccando a marzo un massimo da sei mesi del 3,5% rispetto al 3,2% di febbraio e sollevando dubbi su quando la Federal Reserve (Fed) inizierà a tagliare i tassi d’interesse. L’ascesa è stata trainata dai maggiori costi di carburante e abitazioni, mentre l’inflazione core, dalla quale sono esclusi i generi alimentari e l’energia, è rimasta invariata al 3,8%, anche se tale dato celava un’accelerazione dei prezzi dei servizi. In questo frangente, le attese del mercato sull’allentamento della Fed scontano pienamente un solo intervento entro settembre e un totale di due tagli nel corso dell’anno. Dal suo canto, AXA IM anticipa tre riduzioni quest’anno, a partire da luglio, con tuttavia rischi che tendono verso un numero inferiore di tagli e un inizio ritardato.

Notizie dal mondo

La Banca centrale europea (BCE) ha mantenuto i tassi d’interesse invariati, indicando però chiaramente di essere pronta a iniziare i tagli nel prossimo futuro, qualora le pressioni inflazionistiche continueranno a calare. Francoforte ha affermato che, se le stime aggiornate sull’inflazione, previste per la prossima riunione di giugno, dovessero “accrescere ulteriormente la sua fiducia su una convergenza duratura dell’inflazione verso l’obiettivo”, sarebbe opportuno allentare la politica monetaria. Altrove, l’agenzia di rating Fitch ha declassato l’outlook del credito sovrano cinese da stabile a negativo, alla luce dei rischi per le finanze pubbliche risultanti da “prospettive economiche più incerte”.

Il numero sotto i riflettori: $ 1.800 miliardi

Il Forum economico mondiale e la società di consulenza McKinsey & Co. hanno riferito che, entro il 2035, l’economia dello spazio dovrebbe triplicare il suo valore e raggiungere $ 1.800 miliardi, crescendo a un tasso medio annuo del 9%, superiore all’espansione del PIL globale. Cinque settori, supply chain e trasporti, alimenti e bevande, difesa, retail e beni di consumo e comunicazioni digitali, che spaziano dai satelliti e dai razzi ai servizi per la navigazione e i dati, genereranno oltre il 60% della sua crescita. Le tecnologie spaziali ricopriranno inoltre un ruolo sempre più importante nel monitoraggio degli impatti dei cambiamenti climatici e nella risposta alle catastrofi naturali.

La parola della settimana

Enhanced Geothermal Shot: un’iniziativa statunitense per l’energia pulita che ambisce a sfruttare il calore della Terra, utilizzando la tecnologia per creare serbatoi sotto la superficie terrestre. Stando al Dipartimento dell’energia americano, l’energia geotermica di nuova generazione presenta un’impronta di carbonio minima, una produzione e uno stoccaggio flessibili come pure un’ampia disponibilità geografica. L’obiettivo del progetto è ridurre entro il 2035 il costo dei sistemi geotermici migliorati del 90% a $ 45 per megawattora e portare, in tal modo, energia pulita a prezzi accessibili in oltre 65 milioni di case statunitensi. Secondo un rapporto della Tavola rotonda europea dell’industria, per conseguire gli obiettivi climatici le infrastrutture energetiche europee necessitano di investimenti per € 800 miliardi entro il 2030, cifra che salirà a € 2.500 miliardi entro il 2050.

Prossimamente

Gli incontri di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale inizieranno lunedì e proseguiranno per il resto della settimana. Martedì la Cina comunicherà la crescita del PIL per il primo trimestre, mentre il Regno Unito pubblicherà i dati sulla disoccupazione di febbraio e il Canada quelli sull’inflazione. L’eurozona e il Regno Unito annunceranno i propri tassi d’inflazione mercoledì, seguiti venerdì dal Giappone.

Vidéo: Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)
Mercati La Parola a Tentori

Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 09 Luglio 2024 (15 min di lettura)
Investment Institute
Looking for some Glue
Mercati Viewpoint Chief Economist

Looking for some Glue

  • A cura di Gilles Moëc
  • 08 Luglio 2024 (10 min di lettura)
Investment Institute

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.