Investment Institute
Tecnologia

Iperconnessa, robotizzata, digitale: ecco come sarà la fabbrica del futuro

  • 09 Giugno 2022 (5 min di lettura)

Colonna portante della quarta rivoluzione industriale, le smart factories stanno diventando hub fondamentali di innovazione e laboratori per le nuove frontiere dell’interazione uomo-macchina. L’obiettivo? Ridisegnare lo scenario dell’industria mondiale.

Dimentichiamoci le vecchie fabbriche fordiste, con migliaia di operai intruppati intorno alla catena di montaggio tra grasso, metallo e sudore: nell’asettica e organizzatissima fabbrica del futuro domineranno i “robot collaborativi”, con gli operatori umani non più in tuta blu ma in camice bianco, trasformati in tecnici specializzati in big data e in meccatronica, forse somiglianti a “supereroi” dotati di visori di realtà aumentata e di esoscheletri. Di più: la smart factory rappresenterà il grande laboratorio dell’interazione tra uomo e macchina.

 

Che cos’è Industria 4.0

La fabbrica del futuro si basa sul paradigma “Industria 4.0”, nato in Germania nel 2011: un cambio di pelle della manifattura nel nome dell’innovazione e delle tecnologie informatiche connesse. Nelle smart factories, infatti, le macchine non sono più mere esecutrici di un processo ma possono comunicare tra loro. La sigla “4.0” fa riferimento alla quarta rivoluzione industriale, che come le tre precedenti (quelle meccanica, automatica ed elettronica) sta portando a un impressionante aumento della produttività, ma soprattutto alla ridefinizione dello scenario competitivo industriale mondiale. Il tutto nel nome di una flessibilità diventata fondamentale, perché i consumatori chiedono sempre più prodotti personalizzati, fatti su misura, “sartoriali”.

 

Le 5 skill più importanti per l’industria del futuro

Image

Fonte: Osservatorio 4.0 Politecnico di Milano

 

Aumento di produttività e reshoring

Secondo un report della World Manufacturing Foundation, inoltre, lo sviluppo della produttività legata a Industria 4.0 farà crescere del 30% il reshoring (ovvero il rimpatrio di fabbriche delocalizzate in Paesi a basso costo del lavoro), anche per le difficoltà delle lunghe catene di forniture globali, in perenne emergenza causa pandemia e guerra in Ucraina. Una volta diventata “smart”, parte dell’industria sta quindi tornando nei Paesi tecnologicamente avanzati. Con l’obiettivo di innescare un circolo virtuoso di crescita e innovazione.

 

Come funziona la fabbrica del futuro

Ma quali sono i cardini della smart factory? Un interessante studio di Assolombarda, “Il futuro della Fabbrica”, scende in dettagli sorprendenti. Nuove tecnologie come la realtà virtuale (VR), quella aumentata (AR) o il virtual prototyping rappresentano un salto di qualità enorme per i processi di design, progettazione e industrializzazione, nati con i vecchi tecnigrafi digitali CAD degli anni Settanta. Grazie all’evoluzione degli strumenti di modellazione, infatti, oggi è possibile progettare prodotti, processi, macchine, sistemi, perfino intere fabbriche e filiere, sperimentando in una dimensione virtuale di open innovation.

 

Virtual prototyping

Oltre alle classiche workstation, oggi per la prototipazione della smart factory si utilizzano strumenti di visualizzazione di realtà virtuale oppure di realtà aumentata, con i quali è possibile interagire in uno spazio che è fisico e virtuale allo stesso tempo. Nella realtà aumentata è infatti possibile visualizzare contenuti digitali (come modelli 3D, immagini, testi, video) inseriti in un ambiente reale.

 

Image

Realtà aumentata

Ma la realtà aumentata ha un impatto positivo non solo sulla progettazione. Durante le fasi di assemblaggio, per esempio, l’accesso rapido e diretto alle informazioni migliora la competenza tecnica dell’operatore, ottimizzando la produttività e riducendo potenziali errori. Nelle fasi di controllo qualità e ispezioni, la realtà aumentata aiuta a individuare rapidamente i problemi. E durante la manutenzione riduce i costi dell’assistenza (che può avvenire da remoto) e i tempi di soluzione di un problema. Tramite la realtà aumentata è inoltre possibile “interrogare” apparecchiature di vario genere presenti in azienda, anche con dispositivi wearable.

 

“Gemello digitale”

Ma attenzione: i processi di simulazione e prototipazione virtuale aprono le smart factories a un dialogo con l’intera filiera industriale, dai fornitori ai clienti, abbattendo le barriere all’ingresso e stimolando tutti gli stakeholder a partecipare ai processi di innovazione. L’open innovation è resa possibile dai “Gemelli digitali”, ovvero le copie virtuali (ma dettagliatissime) di oggetti fisici o procedure, in grado appunto di coinvolgere da remoto diversi attori nelle fasi di test e ottimizzazione.

 

Esoscheletri

Gli esoscheletri sono dispositivi indossabili che aiutano i lavoratori, sgravandoli di una parte del carico meccanico. Costruiti sulla base del corpo umano, garantiscono un minor affaticamento dell’operatore e di conseguenza una miglior produttività e qualità, oltre a una riduzione degli infortuni e delle patologie muscoloscheletriche. Inoltre, possono compensare la riduzione di forza dei lavoratori in età avanzata, permettendo il mantenimento in servizio di personale esperto in compiti di montaggio o manutenzione particolarmente complessi.

 

Internet delle Cose

Rivoluzionario è anche l’Internet delle Cose (IoT), l’enorme network di oggetti collegati fra loro in grado di comunicare sia reciprocamente che verso punti nodali del sistema. In fabbrica tutto ciò si traduce nel montare sensori sui macchinari e connetterli tra loro, in modo da generare masse di dati da analizzare per ottimizzare la produzione. Grazie all’IoT, per esempio, la manutenzione diventa “predittiva”: monitorando in tempo reale i parametri di funzionamento dei macchinari, come vibrazioni o temperature, la smart factory riesce a prevedere l’insorgenza di un guasto (grazie ad algoritmi creati ad hoc) oppure a massimizzare l’efficienza energetica, evitando sprechi. Non solo. L’analisi dei big data serve a migliorare i prodotti, a offrire servizi più personalizzati, a creare nuove linee di business, a ridefinire i rapporti con i partner commerciali e molto altro.

 

Image

Robotica collaborativa

La robotica industriale è una realtà consolidata da tempo in tutto il mondo, in particolare in Paesi come Corea del Sud e Singapore, come sottolinea uno studio dell’International Federation of Robotics. Ma anche qui l’evoluzione galoppa. Da qualche anno si stanno affermando i “cobot”, robot collaborativi in grado di lavorare fianco a fianco con l’uomo senza necessità di infrastrutture di protezione. Il risultato è la nascita di nuove linee di produzione miste, in parte umane e in parte robotiche, nelle quali alle macchine vengono affidati i compiti ripetitivi a basso valore aggiunto e all’uomo quelli caratterizzati da flessibilità e versatilità.

 

Interazione uomo-macchina

L’Industria 4.0 ruota intorno al rapporto tra uomo, robot e tecnologie, con interfacce sempre più complesse e sofisticate. Nelle smart factories i lavoratori non interagiscono più con singoli macchinari ma con una rete di sistemi decentralizzati, dinamici e aperti, quasi da fantascienza. Sono dotati di nodi di intelligenza distribuita, connessi a migliaia di sensori e reti di comunicazione: intervengono su macchinari, dispositivi e processi, incorporando modelli digitali del mondo fisico. In continua evoluzione, questi sistemi si intrecciano sempre più con la dimensione sociale delle persone, tanto da essere definiti cyberfisici-sociali.

 

Nuove figure professionali

Ovvio che la dimensione futuristica della smart factory abbia bisogno di nuovi profili professionali, come ricorda tra le altre un’analisi dell’Osservatorio 4.0 della School of Management del Politecnico di Milano. Il lavoro infatti si sta spostando dalla sfera manuale, legata alla pura trasformazione fisica, a quella cognitiva, con gli operatori coinvolti nei processi decisionali di progettazione o miglioramento di tecnologie e processi. Tra i profili più richiesti ecco quindi emergere quelli di Data Analyst, Data Scientist, oppure gli specialisti di Intelligenza Artificiale e Machine Learning. Ma anche figure più particolari come il “dronista”, esperto nel guidare i droni, o il “chippista”, l’installatore di sensori IoT. E ancora: servono progettisti di soluzioni tecnologiche o digitali, esperti di formazione, professionisti che si occupano di sviluppo organizzativo. E specialisti dell’interazione uomo-macchina.

Ti potrebbe interessare

Tecnologia

Rivoluzione Artificial Intelligence of Things: quando gli oggetti che si parlano diventano intelligenti

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Maggio 2022 (7 min di lettura)
Tecnologia

Emergenza spazzatura spaziale: 130 milioni di rottami pronti a distruggere satelliti e astronavi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 01 Aprile 2022 (5 min di lettura)
Tecnologia

I NFT: cosa sono, come funzionano e a cosa fare attenzione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 14 Marzo 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.