Investment Institute
Sociale

Ripartire dai diritti umani

  • 25 Agosto 2022 (3 min di lettura)

L'emergenza climatica li ha relegati in secondo piano, ma i diritti umani e in generale gli aspetti sociali stanno tornando protagonisti della finanza sostenibile. Ai nastri di partenza una vasta iniziativa di engagement sui diritti umani promossa da PRI. Intanto in Ue avanza la legge sulla due diligence.

 

La finanza sostenibile è oggi considerata sinonimo di finanza green, a causa dell'urgenza di affrontare la crisi climatica ed ecologica. Tuttavia si sta assistendo a livello internazionale a un ritorno dell'attenzione sulle questioni sociali, la "S" dell'acronimo ESG (che indica i criteri ambientali, sociali e di governance utilizzati dalla finanza sostenibile). In particolare è il tema dei diritti umani che sta tornando a essere prioritario per gli investitori sostenibili e responsabili.

 

PRI lancia "Advance"

PRI, l'iniziativa dei Principi per l'Investimento Responsabile promossa dalle Nazioni Unite (riunisce oltre 4mila firmatari da tutto il mondo, che complessivamente gestiscono asset per oltre 100mila miliardi di dollari), a fine 2021 ha lanciato un'iniziativa che sta diventando operativa in questi mesi. Si chiama Advance, è rivolta principalmente ai grandi investitori istituzionali (anche se è aperta a tutte le categorie dei firmatari PRI) e punta soprattutto su azioni di engagement: chiede infatti agli investitori di attivarsi in modo coordinato con le società investite, ma anche con altri attori come ad esempio i “decision-makers” a livello politico, per promuovere i diritti umani.

Gli obiettivi principali di Advance, relativi alle società su cui si focalizzerà l'engagement, sono tre: 1) piena attuazione dei Principi Guida delle Nazioni Unite su Imprese e Diritti Umani, approvati dal Consiglio Onu dei Diritti Umani nel 2011 e considerati le "barriere di protezione" della condotta delle imprese sui diritti umani; 2) allineamento del coinvolgimento politico delle imprese con la loro responsabilità di rispettare i diritti umani; 3) intensificazione dei progressi in relazione alle questioni più gravi collegate ai diritti umani, sia nell'operatività dell'impresa, sia lungo la catena di fornitura.

Inizialmente Advance, che ha una durata prevista almeno fino al 2027, ha preso in esame quindici settori economici nei quali il rischio di un impatto severo sui diritti umani è più rilevante. Ne ha poi selezionati due: Estrazione mineraria e Metallurgia, e Rinnovabili. All'interno di questi settori sono quindi state selezionate 40 società (25 del primo settore, 15 del secondo) con le quali verrà avviata l'attività di engagement. Resta comunque aperta la possibilità di aggiungerne altre nel momento in cui qualche società dovesse risultare oggetto di controversie particolarmente rilevanti sui diritti umani.

 

Image

Fonte: https://www.unpri.org/human-rights-stewardship-initiative

 

Gli altri network per i diritti umani

Oltre ad Advance, nell'ambito della finanza sostenibile esistono varie altre iniziative che insistono specificamente sul tema dei diritti umani. Fra le più importanti c'è la Investor Alliance for Human Rights, focalizzata anch'essa sull'engagement, che riunisce oltre duecento investitori di una ventina di Paesi, con oltre 10mila miliardi di patrimonio gestito. È stata promossa da ICCR (Interfaith Center on Corporate Responsibility), il maggiore network internazionale attivo nell'engagement sui temi di sostenibilità, che ogni anno redige una guida che passa in rassegna le risoluzioni presentate dai suoi membri nelle assemblee degli azionisti delle società quotate statunitensi: su 436 risoluzioni in totale, l'ultima edizione della guida registrava 59 risoluzioni su temi di diritti umani e del lavoro, 100 su temi di diversità e giustizia razziale.

In Europa è attivo il network Shareholders for Change, che nella promozione dei diritti umani e del lavoro ha una delle sue priorità d'azione. Finance Against Slavery & Trafficking è l'iniziativa promossa dal Liechtenstein in risposta agli appelli di Nazioni Unite, G7 e G20 per mettere la finanza al servizio della lotta contro le forme moderne di schiavitù e la tratta degli esseri umani: ha realizzato un manuale per guidare il settore finanziario ad affrontare questi drammatici fenomeni.

 

L'Ue propone la "due diligence"

Il mondo della finanza guarda inoltre con grande interesse anche a quanto sta accadendo sul tema dei diritti umani sul fronte giuridico. Gli occhi sono puntati in particolare sulla Commissione europea, che a febbraio di quest'anno ha avanzato una proposta di Direttiva sul dovere di diligenza (due diligence) delle imprese su diritti umani e ambiente. La proposta, che dovrà essere discussa dal Parlamento e dal Consiglio Ue, prevede per le imprese più grandi l'obbligo di integrare le proprie politiche di due diligence per tenere conto, oltre che di quello sull'ambiente, dell'impatto della loro attività (compresa la supply chain) sui diritti umani, con l'obiettivo di identificarli, prevenirli e mitigarli.

Ti potrebbe interessare

Sociale

Scuola e impresa possono cambiare la vita – e offrire opportunità per gli investitori

  • A cura di Anne Tolmunen , Caroline Moleux
  • 25 Maggio 2022 (7 min di lettura)
Sociale

Tempo di crisi: quale impatto sulla finanza sostenibile

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 07 Aprile 2022 (3 min di lettura)
Sociale

Soluzioni sanitarie più accessibili ed efficaci: quale impatto sociale e potenziale economico?

  • A cura di Anne Tolmunen , Caroline Moleux
  • 01 Marzo 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.