Investment Institute
Ambiente

Verso la COP27: la finanza si mobilita su clima e biodiversità

  • 17 Gennaio 2022 (5 min di lettura)

Importanti impegni sul clima sono arrivati dalla finanza privata durante la COP26. Anche gli Stati hanno cercato di alzare l'asticella degli sforzi, sebbene non sempre con successo. Con la corsa verso la COP27 in Egitto già iniziata, si profila l'altra grande battaglia: quella contro la perdita di biodiversità.

Alla COP26 di Glasgow la finanza è stata come nelle attese protagonista. Molti sono stati infatti gli impegni presi sul clima e più in generale sull'ambiente da network e coalizioni di grandi investitori internazionali. Se verranno mantenuti e auspicabilmente rafforzati, ad esempio in vista della COP27 in Egitto nel 2022, il ruolo della finanza come fattore chiave nella lotta alla crisi climatica non potrà che uscirne ulteriormente rafforzato.

Trilioni per l'economia "net zero"

In base ai numeri che sono stati messi in gioco, l'impegno di gran lunga più significativo assunto dal mondo finanziario alla COP26 è stato quello della Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ), presieduta da Mark Carney, inviato speciale delle Nazioni Unite per l'azione e la finanza per il clima ed ex-Governatore della Banca d'Inghilterra, e da Michael Bloomberg, inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per l'ambizione e le soluzioni per il clima. GFANZ è una coalizione di oltre 450 istituzioni finanziarie internazionali (banche, assicurazioni, asset manager, asset owner, consulenti finanziari, fornitori di servizi finanziari), da 45 diversi Paesi del mondo, che insieme gestiscono asset per complessivi 130 trilioni di dollari, vale a dire circa il 40% degli asset gestiti a livello mondiale. Per fare un paragone, il Prodotto Interno Lordo (PIL) globale nel 2020 è stato di 85 trilioni di dollari.

Image

Fonte: "Amount of finance committed to achieving 1.5°C now at scale needed to deliver the transition", 3 novembre 2021 

Aderendo a GFANZ queste istituzioni si sono impegnate ad accelerare il processo di decarbonizzazione del modello di sviluppo per arrivare ad un'economia "net zero" (climaticamente neutra) entro il 2050. In particolare, durante la giornata della COP26 dedicata alla finanza, esse hanno annunciato l'impegno a mettere a disposizione nei prossimi tre decenni circa il 70% (100 trilioni di dollari) degli investimenti che si stima siano necessari per realizzare un modello economico net zero su scala globale entro la metà di questo secolo. La sfida è soprattutto quella del decennio in corso, che è stato definito "il decennio dell'azione" nel contrasto alla crisi climatica: si calcola che entro il 2030 siano necessari investimenti per 32 trilioni di dollari. In particolare, che nel periodo 2021-2025 sia necessario triplicare gli investimenti per la decarbonizzazione rispetto al quinquennio 2016-2020.

Image

Fonte:  Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ)

Gli impegni della finanza pubblica

Oltre a quelli della finanza privata, alla COP26 anche la finanza pubblica ha annunciato impegni senza precedenti. Una quarantina tra Paesi, compresa l'Italia, e organismi finanziari multilaterali internazionali (fra cui la Banca Europea per gli Investimenti), si sono impegnati entro la fine del 2022 a smettere di offrire strumenti finanziari di sostegno (sussidi, garanzie) a progetti internazionali per lo sfruttamento delle fonti fossili di energia.

Un altro impegno significativo è stato quello annunciato dal Network for Greening the Financial System (NGFS), che riunisce un centinaio tra banche centrali (fra cui la Banca d'Italia) e autorità di controllo di tutto il mondo. Nella dichiarazione pubblicata durante la COP26, i membri di NGFS si sono impegnati ad intensificare l'integrazione di rischi e fattori climatici nella loro azione monetaria e di supervisione.

Non è stato invece ancora raggiunto, come si sottolinea esplicitamente "con profondo rammarico" anche nel Glasgow Climate Pact (il documento finale che ha riassunto le decisioni principali del vertice), l'obiettivo dei 100 miliardi di dollari all'anno che i Paesi sviluppati già dalla COP15 del 2009 a Copenhagen si erano impegnati a mobilitare a favore dei Paesi in via di sviluppo per sostenerli nel contrasto alla crisi climatica. È legittimo attendersi che questo potrebbe diventare uno dei primi obiettivi della COP27.

La biodiversità

Insieme alla crisi climatica, a mettere in allarme l'umanità è la crisi legata alla perdita di biodiversità. Si calcola che il 75% degli ambienti terrestri sia già "gravemente alterato", con circa un milione di specie a rischio estinzione (la cosiddetta "sesta estinzione di massa" di cui si parla già da qualche anno).

Anche su questo fronte la finanza a livello internazionale ha iniziato a mobilitarsi con varie iniziative. Una delle principali è la Task Force on Nature-related Financial Disclosures-TNFD (AXA fa parte del Forum di TNFD ed è stata fra i suoi primi sostenitori), che ha l'obiettivo di definire un modello sulla trasparenza informativa e la gestione dei rischi finanziari legati alla natura, allo scopo di orientare i flussi finanziari verso attività che hanno un impatto positivo sul capitale naturale.

Anche sul contrasto alla perdita di biodiversità, in particolare per quanto riguarda la salvaguardia delle foreste, alla COP26 si è registrato un importante risultato. Con la Glasgow Leaders' Declaration on Forests and Land Use, infatti, oltre 140 Paesi attraverso i loro leader si sono impegnati entro il 2030 a porre fine alle pratiche di deforestazione (seconda causa del riscaldamento globale dopo l'utilizzo dei combustibili fossili) e a mettere a disposizione oltre 19 miliardi di dollari (in fondi pubblici e privati) per la protezione e il ripristino delle aree forestali. I Paesi che hanno sottoscritto la Dichiarazione ospitano oltre il 90% del patrimonio forestale globale.

Ti potrebbe interessare

Ambiente

Crisi climatica: la sfida per gli asset manager

  • A cura di Hans Stoter
  • 13 Dicembre 2021 (7 min di lettura)
Ambiente

In fuga dal global warming: le migrazioni climatiche cambieranno il nostro pianeta

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 03 Dicembre 2021 (3 min di lettura)
Ambiente

Crisi climatica: la sfida per gli asset manager

  • A cura di Hans Stoter
  • 13 Dicembre 2021 (7 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.