Investment Institute
Ambiente

Rifkin, Italia ancora senza piano di infrastrutture per il Green Deal

  • 13 Maggio 2022 (5 min di lettura)

In Italia manca una road map sull’infrastruttura per la transizione energetica. L’economista americano Jeremy Rifkin, ospite di AXA IM al Salone del Risparmio, ha criticato il piano nazionale ripresa e resilienza (Pnrr) per la mancanza di una road map per realizzare l’infrastruttura che connetta i tre livelli di quella che definisce la Terza Rivoluzione Industriale: comunicazione, energia e mobilità.

 

“Ogni giorno in cui aspettiamo senza agire è un giorno perso”. Ospite di AXA IM al Salone del Risparmio, in video collegamento da Washington, Jeremy Rifkin – economista, consulente e autore di 22 libri – lamenta che si parli troppo (di transizione energetica) ma si faccia poco, perdendo molto tempo prezioso. “Se non usciamo dal settore del combustibile fossile – avverte – finiremo nell’abisso”.

Le lentezze sono soprattutto a livello politico. “Dobbiamo muoverci dalla vecchia cultura, passare dal vecchio modo di pensare a quello nuovo”. I governi pensano ancora in termini di vecchia economia, argomenta Rifkin, la geopolitica è ancora basata interamente su una “sicurezza del combustibile fossile”. Al contrario del mercato. “Oggi abbiamo un mercato che considera il combustibile fossile e il nucleare come stranded asset, con undici trilioni di dollari fuoriusciti da questi settori”, sottolinea l’economista ed esperto di tematiche ambientali.

 

La terza rivoluzione industriale

Dopo la prima rivoluzione industriale, a trazione britannica fatta di carbone e vapore, e la seconda, a guida americana trainata da petrolio e telefonia, la terza rivoluzione industriale immaginata da Rifkin poggia sulle enormi potenzialità del “triplice internet”: quello della comunicazione che conosciamo tutti, ma anche quelli dell’energia e della mobilità, collegati alle tecnologie e alle piattaforme dell’Internet of Things (l’internet delle cose). La connessione contemporanea e continua tra tutti a livello globale, secondo lo studioso statunitense, ha infatti le potenzialità per trasformare il modello economico oggi prevalente.

I veri cambiamenti avvengono, secondo Rifkin, quando questi tre livelli convergono, trasformando il modo in cui operiamo: una rivoluzione della comunicazione, del settore energetico e della mobilità.

Oggi la rivoluzione nella comunicazione è avvenuta con internet, siamo tutti interconnessi grazie agli smartphone e disponiamo di una rete dati super veloce. A livello di energia, la rivoluzione è data da un nuovo regime energetico basato sulle rinnovabili (energia solare ed eolica). Infine, a livello di mobilità abbiamo i veicoli autonomi ed elettrici. Questo è il quadro in cui ci troviamo. Tuttavia, manca un passaggio importante. “Quel che ancora manca è l’infrastruttura che connette i tre livelli”, nota Rifkin.

 

Il nuovo mondo è qui

Mettere in piedi questa infrastruttura e avere un piano di ampia portata è diventato urgente. “Il nuovo mondo è qui ma temo che invece di muoversi rapidamente i governi stiano perdendo tempo”, dice Rifkin.

E lancia una provocazione: “Non ho ancora visto in Italia una road map per l’infrastruttura. Vedo solo dei piccoli progetti pilota. In altri paesi ci sono già dei piani. C’è bisogno subito di una road map per ciascuna regione italiana, costruita insieme alle università, alle associazioni impresariali, ai sindacati e alla comunità finanziaria.”

Nel corso della conferenza di AXA IM “Terza rivoluzione industriale: a che punto siamo?”, Rifkin afferma che vorrebbe vedere un quadro più chiaro da parte del governo italiano e di Mario Draghi “su come si vuole realizzare la transizione energetica”.

Suggerisce di cominciare una seria discussione con le università per sviluppare i piani d’integrazione infrastrutturale. Ogni regione d’Italia dovrebbe cominciare a sviluppare una road map e poi bisognerebbe raggrupparle tutte. “Se l’Italia non coglie l’opportunità in questo momento, allora quando? Dobbiamo coinvolgere la comunità finanziaria, in particolare gli investitori previdenziali”, spiega l’economista di Denver. “I soldi ci sono, avete 200 miliardi di euro oltre al talento e alla tecnologia”.

Questi soldi vanno utilizzati entro il 2026 e l’Europa si aspetta che l’Italia possa diventare leader e traino per il Green Deal e l’Europa digitale.  Ma mancano ancora, secondo Rifkin, singoli progetti dove per esempio possa investire un fondo pensione.

 

Guerra e inflazione: freno o spinta al cambiamento?

Le profonde trasformazioni immaginate da Rifkin e che Bruxelles vorrebbe realizzare, si scontrano oggi con la realtà della guerra, della crisi energetica, e dell’inflazione. La drammatica crisi in corso sarà l’opportunità per accelerare un cambiamento, oppure farà da freno?

Secondo Rifkin potrebbe diventare un’opportunità solo se si agisce in fretta. “Se non ci muoviamo rapidamente nella nuova infrastruttura finiremo male”, commenta.

E cita l’esempio della Francia, dove nella Regione dell’Hauts-de-France (con un’economia tradizionalmente carbonifera, metallurgica, e automobilistica) è stata realizzata la road map per la transizione a un’economia “green” grazie al concorso di politica, economia e società civile. Il Tir Consulting Group (“Tir” da “Third Industrial Revolution”), un network trasversale che comprende società di energie rinnovabili, imprese informatiche, elettroniche, aziende di costruzioni, logistica o trasporti, studi di architettura, ha aiutato la Regione dell’Hauts-de-France a recuperare le vecchie città minerarie, convertendole a eolico e solare, nel nome del digitale e dell’imprenditoria giovanile.

Rivivi la conferenza "Terza rivoluzione industriale: a che punto siamo?" con Jeremy Rifkin

Ti potrebbe interessare

Ambiente

Inquinamento da plastica: trovata anche nel sangue umano

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 15 Luglio 2022 (5 min di lettura)
Ambiente

L'ora del green fintech

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 08 Giugno 2022 (5 min di lettura)
Ambiente

L’impatto della crisi ucraina sul cambiamento climatico

  • A cura di David Page , Olivier Eugène
  • 06 Giugno 2022 (10 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.