Investment Institute
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione torna a salire; il FMI rivede al rialzo le previsioni di crescita per la Cina

  • 03 Giugno 2024 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Secondo una stima flash, a maggio il tasso d’inflazione annuale dell’Eurozona è salito per la prima volta dall’inizio dell’anno, segnando un 2,6% rispetto al 2,4% di aprile. Anche l’inflazione core, che esclude i prezzi più volatili di alimentari ed energia, è aumentata passando dal 2,7% al 2,9%. Dall’inizio dell’anno i prezzi avevano rallentato la loro corsa al rialzo, portandosi verso l’obiettivo del 2% della Banca Centrale Europea (BCE). Questa inversione di rotta, però, potrebbe destare timori sulla possibile aggressività dei responsabili politici quando arriverà il momento di tagliare i tassi. Altrove, nella seconda stima la crescita del PIL annuale del 1° trimestre degli Stati Uniti è stata rivista al ribasso all’1,3%, rispetto all’1,6% stimato inizialmente, in ragione di una spesa al consumo più contenuta.


Notizie dal mondo

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita economica della Cina, sia per il 2024 che per il 2025. Attualmente l’istituzione prevede che la seconda maggiore economia mondiale si espanda rispettivamente del 5% e del 4,5%, contro il 4,6% e il 4,1% precedentemente attesi. Questa revisione è dovuta alla solidità dei dati del 1° trimestre e alle ulteriori misure politiche annunciate di recente dal governo. La revisione al rialzo per il 2024 è in linea con l’obiettivo di Pechino del “circa” 5%, che condividiamo. Tuttavia, il FMI mette in guardia su una crescita più lenta negli anni successivi, con previsioni del 3,3% da qui al 2029 dovute all’invecchiamento della popolazione e alla crescita più lenta della produttività.

Il numero sotto i riflettori: 5

Secondo un rapporto della società di consulenza PwC, i settori particolarmente esposti all’intelligenza artificiale (AI) stanno registrando una crescita della produttività quasi quintuplicata. Il rapporto indica che “le conseguenze per le imprese sono enormi” e gli amministratori delegati globali prevedono che l’IA genererà vantaggi significativi sia a livello di ricavi che di utili: il 46% degli intervistati ritiene infatti che l’IA aumenterà la redditività, mentre il 41% i ricavi. Il rapporto considera l’aumento della produttività del lavoro un fattore chiave per la crescita economica e l’aumento del tenore di vita e in questo senso sostiene che l’IA potrebbe essere determinante in futuro per rianimare una produttività ormai fiacca da tempo.


La parola della settimana: Città spugna

Un modello di pianificazione urbana cinese che aiuta a gestire le inondazioni utilizzando infrastrutture verdi, come alberi, laghi e parchi, anziché fare affidamento solo su sistemi di drenaggio per assorbire le precipitazioni e prevenire le inondazioni. Secondo la Greater London Authority, le inondazioni sono uno dei principali rischi ambientali per gli abitanti di Londra; trasformare la capitale in una “città spugna” è una delle soluzioni proposte per mitigare gli impatti delle precipitazioni intense. Il Surface Water Strategic Group è stato creato dopo le gravi inondazioni che hanno colpito Londra nel 2021 con l’obiettivo di preparare una strategia di gestione delle inondazioni per l’intera metropoli: il documento è atteso quest’anno.

Prossimamente

Mercoledì la Banca del Canada terrà la sua riunione di politica monetaria e saranno pubblicati diversi PMI definitivi per il mese di maggio, tra cui quelli di Giappone, Cina, Eurozona, Regno Unito e Stati Uniti. Giovedì la BCE si riunirà per fissare i tassi di interesse e avranno inizio anche le elezioni del Parlamento europeo. Venerdì sarà pubblicata una terza stima della crescita del PIL dell’Eurozona per il 1° trimestre e sempre venerdì gli Stati Uniti annunceranno gli ultimi dati sull’occupazione.

Vidéo: Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)
Mercati La Parola a Tentori

Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 09 Luglio 2024 (15 min di lettura)
Investment Institute
Looking for some Glue
Mercati Viewpoint Chief Economist

Looking for some Glue

  • A cura di Gilles Moëc
  • 08 Luglio 2024 (10 min di lettura)
Investment Institute

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.