Investment Institute
Take 2

L’UE riduce drasticamente le importazioni di petrolio dalla Russia, mentre si assiste a una contrazione della produzione industriale in Giappone

  • 06 Giugno 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

I paesi dell’Unione Europea hanno concordato un embargo parziale sulle importazioni di petrolio russo, che ne contempla la riduzione immediata di pressoché due terzi e il taglio del 90% circa entro la fine dell’anno. L’accordo inteso a esercitare nuove pressioni finanziarie su Mosca, mentre la guerra in Ucraina si avvicina al traguardo dei 100 giorni, prevede l’esenzione dal divieto di acquisto per le forniture in arrivo dall’oleodotto Druzhba che serve Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca. Il pacchetto vieterà inoltre di assicurare in Europa le navi che trasportano petrolio russo. I prezzi del petrolio hanno subito un’impennata in seguito alla notizia, sostenuti anche delle aspettative di un aumento della domanda da parte della Cina dopo la revoca delle restrizioni legate al COVID-19. Nel frattempo, i mercati azionari hanno chiuso un maggio volatile e sostanzialmente piatto, ma pur sempre in netto calo rispetto all’anno precedente.1

 

Notizie dal mondo

L’inflazione annua dell’eurozona ha toccato un livello record dell’8,1% a maggio, il che accentua le pressioni sulla Banca centrale europea (BCE), chiamata a operare una stretta monetaria. L’aumento più consistente del previsto, che fa seguito al 7,4% registrato ad aprile, è ascrivibile al settore dell’energia e degli alimenti, giacché il conflitto in Ucraina ha fatto balzare i prezzi delle materie prime. Intanto, in Germania, principale economia del blocco dei 19 paesi, l’inflazione è salita all’8,7%, il valore più alto dalla crisi petrolifera del 1973. La BCE aveva già indicato che avrebbe potuto aumentare i tassi di interesse a luglio e diversi economisti ritengono ormai possibile un rialzo di 50 punti base (pb).

 

Il numero sotto i riflettori: -1,3%

La produzione industriale in Giappone è scesa dell’1,3% ad aprile rispetto al mese precedente, in quanto i lockdown dovuti al coronavirus in Cina hanno intralciato le supply chain dei produttori giapponesi. Il calo, il primo in tre mesi, si è rivelato superiore alle attese, ma l’attività industriale dovrebbe riprendere slancio parallelamente all’allentamento delle restrizioni in Cina. A questa flessione ha fatto eco il rallentamento del 3,3% della produzione sudcoreana. Sul versante positivo, le vendite al dettaglio giapponesi sono cresciute del 2,9%, il guadagno più cospicuo in quasi un anno, in quanto il governo giapponese ha attenuato le misure restrittive relative al COVID-19. La disoccupazione è diminuita al 2,5%, il minimo da oltre due anni.

 

La parola della settimana: Geoingegneria

Termine generico che designa tecnologie o pratiche potenzialmente in grado di compensare gli impatti del cambiamento climatico. Molte delle opzioni di geoingegneria proposte sono ritenute l’ultima spiaggia, da prendere in considerazione esclusivamente nel caso di mancato raggiungimento degli obiettivi più ambiziosi di riduzione delle emissioni. Tra queste vi sono interventi relativamente semplici, come dipingere i tetti di bianco per limitare l’accumulo di calore nelle città, ma anche soluzioni più elaborate, quali l’immissione di particelle di zolfo nell’atmosfera per riflettere la luce solare o l’utilizzo di ferro per assorbire l’anidride carbonica negli oceani.

 

Prossimamente

Lunedì saranno pubblicati gli indici cinesi dei direttori agli acquisti (PMI) Caixin, mentre martedì la Reserve Bank of Australia prenderà una decisione sui tassi di interesse (in occasione della riunione di maggio, aveva innalzato il tasso di liquidità di 25 pb, allo 0,35%). Giappone ed eurozona renderanno noti mercoledì gli ultimi dati sulla crescita del PIL per il primo trimestre. Giovedì la BCE terrà la sua riunione di politica monetaria, mentre venerdì Canada e Stati Uniti presenteranno rispettivamente i dati sulla disoccupazione e sull’inflazione per il mese di maggio.

 

  • Indice MSCI World NR in dollari USA. Fonte: FactSet, dati aggiornati al 31/05/2022

Ti potrebbe interessare anche

La Parola a Tentori

Rischio di credito (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 08 Giugno 2022 (15 min di lettura)
La Parola a Tentori

Recessione: dobbiamo preoccuparci? (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 24 Maggio 2022 (15 min di lettura)
Guida ai Mercati

L’euro digitale della Bce, rivoluzione per pagamenti e risparmio: tutti i pro e contro

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Maggio 2022 (7 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.