Azionario Italia: 2021 spinto dagli utili, crescita e normalizzazione nel 2022

  • 22 Dicembre 2021 (3 min di lettura)

La comparsa di una nuova variante del Covid-19 ha interrotto la tradizionale tendenza al rialzo di fine anno del mercato azionario, spingendolo al ribasso. Tuttavia, archiviamo un anno caratterizzato da una ripresa più forte delle attese. I temi che domineranno l’inizio del 2022, l’inflazione in aumento e il possibile rialzo dei tassi da parte delle banche centrali, potrebbero portare volatilità. Il punto è capire se governi e banche centrali riusciranno a ridurre il loro supporto senza far male ai mercati, che sono « drogati » di liquidità.

A fine mese la comparsa di una nuova variante del virus, denominata Omicron, ha interrotto la tradizionale tendenza al rialzo dei mercati a fine anno.

A novembre, l’azionario ha invertito la rotta. La nuova ondata di infezioni da Covid-19 e il ritorno delle restrizioni in alcuni paesi hanno portato a un calo degli attivi più sicuri. I dati economici pubblicati sono positivi, con un buon andamento in particolare dei consumi. L'inflazione è risultata superiore alle attese con persistenti problemi di offerta e crescenti difficoltà d’approvvigionamento e sembra essere sempre meno transitoria.

In questo contesto di ritorno delle incertezze sulla crisi sanitaria i tassi sono scesi, il dollaro si è apprezzato e il prezzo del barile è sceso in modo significativo.

Performance di AXA WF Framlington Italy

Nel corso del mese, il Ftse Italia All Share NT ha perso il 3,60%. I settori petrolifero, automotive e finanziario hanno messo a segno i maggiori ribassi, insieme ai titoli legati al turismo. Al contrario, è in forte crescita il settore delle telecomunicazioni trainato dal balzo di quasi il 50% di Telecom Italia in seguito a una possibile offerta di acquisto da parte di KKR.

In questo contesto, il nostro fondo è stato penalizzato in parte dalla mancata esposizione su Telecom Italia, ma anche dalla minore esposizione su Ferrari, che nel mese è balzata del 13%.

A fine novembre il fondo ha lasciato sul terreno il 3,85% sulla Classe d’Azioni A EUR.

Uno sguardo sul 2021: mercati sostenuti dagli utili

Nel 2021 gli utili sono cresciuti più delle attese e questo ha sostenuto l’andamento positivo dei mercati. La revisione al rialzo degli utili ha reso il mercato più economico dal punto di vista delle valutazioni a fine anno.

Per le small-mid cap è stato un anno record. L’indice del mercato AIM a fine ottobre ha guadagnato un +52% da inizio anno, trainato dai buoni risultati e anche dai flussi di sottoscrizione dei nuovi fondi PIR Eltif. C’è stato un interesse enorme per le società growth italiane con valutazioni pari a 30 volte gli utili nel 2021 per quelle quotate sull’AIM. In confronto, le società del Ftsi Mib (large cap) sono state valutate a 13 volte gli utili.

Se a un certo punto ci sarà una normalizzazione sui tassi d’interesse, questo forte interesse per i segmenti più rischiosi del mercato potrebbe diminuire. Queste società sono state comprate in un momento di tassi reali negativi e questo vuol dire che gli investitori sono spinti a prendere del rischio, andando a comprare tutti i segmenti più rischiosi ma con potenziali di crescita maggiori. Resta quindi centrale capire cosa succederà sui tassi nel 2022.

Cosa attendersi per il 2022

Nelle prossime settimane, i mercati dovrebbero continuare a essere combattuti tra l'incertezza sanitaria e il rischio di un'inflazione in definitiva meno transitoria di quanto inizialmente previsto. Anche se il 2022 si preannuncia ancora un anno positivo per la crescita delle imprese europee, vista una crescita del PIL equivalente a quella degli Stati Uniti o di poco inferiore a quella della Cina, è senza dubbio necessario attendersi che l'andamento dei mercati azionari sia largamente influenzato da cambiamenti nella politica monetaria della banca centrale degli Stati Uniti.

In Europa, le scadenze elettorali in Italia e in Francia potrebbero temporaneamente far riaffiorare le tensioni sugli spread sovrani.

A fronte di un mercato azionario ancora largamente polarizzato tra titoli growth, trainato da tassi bassi e titoli cosiddetti value a causa della minore visibilità, ci sembra ancora fondamentale mantenere una buona diversificazione all'interno del portafoglio al fine di limitare le esposizioni ad un particolare fattore per poter affrontare diversi scenari.

Il prossimo anno le banche centrali tenderanno a ridurre il loro sostegno, ma in modo molto graduale. Resta il rischio che il mercato s’innervosisca per un evento esterno non prevedibile. Inoltre, soprattutto se l’inflazione resta ai livelli attuali, c’è il rischio che a un certo punto la politica monetaria possa dare l’impressione di restare indietro rispetto alle aspettative del mercato.

Quale approccio d’investimento per affrontare il nuovo anno?

Al momento i punti d’incertezza sono tali che l’unico modo per non esservi esposti è mantenere un approccio bilanciato del portafoglio in modo da poter affrontare qualsiasi “outcome”.

Questo significa selezionare le società giuste, accettare anche di pagare prezzi alti per alcune e selezionare al tempo stesso società più economiche ma con buone prospettive di crescita. Si tratta di combinare società di qualità con altre più a buon mercato ma che siamo convinti abbiano spazio per migliorare sulla profittabilità e sul fatturato.

Ti potrebbe interessare

Azioni

Esperienze virtuali, opportunità reali: il potenziale del Metaverso

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 16 Giugno 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: elevata volatilità, volano i titoli dell’energia

  • A cura di Gilles Guibout
  • 10 Giugno 2022 (3 min di lettura)
Azioni

Webinar con Gilles Guibout - 9 giugno 2022

  • A cura di Gilles Guibout
  • 09 Giugno 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.